A proposito di Imperia

Descrizione tratta dal sito: http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Imperia

“… Imperia nasce dalla fusione di due città, Oneglia e Porto Maurizio, e di due territori storicamente e geograficamente distinti. L’unificazione delle due città, da anni dibattuta, fu resa possibile da una legge del 1922 con la quale il governo assumeva pieni poteri nel riordinamento della pubblica amministrazione. Il 21 ottobre 1923 un decreto reale di Vittorio Emanuele III stabilisce di riunire in un unico comune denominato Imperia gli undici preesistenti comuni di: a) Porto Maurizio; b) Borgo Sant’Agata; c) Caramagna Ligure; d) Castelvecchio di Santa Maria Maggiore; e) Costa d’Oneglia; f) Poggi; g) Torrazza; h) Moltedo; i) Montegrazie; l) Oneglia; m) Piani

Il testo del decreto è oggi riprodotto in un grande affresco nella Sala Consiliare del Comune.
Si chiudeva così, per mano di un governo autoritario, un iter che si trascinava polemicamente da decenni a partire dall’Unità d’Italia in quanto, anche se le due città erano troppo vicine per non fondersi, prima o poi, in un solo comune, le modalità di questa unione erano troppo controverse e sentite dai rispettivi cittadini perché si potessero risolvere spontaneamente. Ad esempio, anche solo per la scelta del nome della futura città le polemiche non mancarono: furono proposti e scartati nomi come Porto Maurizio-Oneglia (giudicato troppo lungo), Portoneglia (ritenuto offensivo dai portorini perché il nome della loro cittadina risultava troncato), Porto Maurizio (come la precedente provincia, ma rifiutato dagli onegliesi che si ritenevano non rappresentati), più altri di fantasia.
Fu infine scelto (o meglio imposto dall’alto) Imperia, dal nome “neutrale” del torrente Impero che le separava e che suonava particolarmente adatto per la politica patriottica ed imperialista dell’epoca. Il progetto era quello di creare una città unica, su modello classicheggiante. Tracce di questa volontà, che si ispira ai principi dell’ideologia fascista, sono evidenti nell’architettura razionalista degli edifici civici costruiti in quegli anni: il Municipio, il Palazzo delle Poste, l’Ufficio Tecnico Erariale (tutti estremamente simili a quanto contemporaneamente si edificava a Latina e Sabaudia). Tutti questi edifici furono edificati in una zona pianeggiante a metà strada tra Oneglia e Porto Maurizio, così da enfatizzare il loro carattere di palazzi pubblici della nuova città…“.

Sul sito: http://www.tripadvisor.it/LocationPhotos-g194781-w3-Imperia_Italian_Riviera_Liguria.html potete trovare alcune fotografie della città di Imperia…